"In the end "The Sweet Hand Of The White Rose" is a great little film that almost creeps you out, then puts a little warmth back into your heart" - "The Sweet Hand of the White Rose is a really, really superb film" - “Once he finally fines the truth he seeks, it is the horror in which he feared to be true. With the help of flashbacks to explain the truth, the story turns from horror of truth to the moment of clarity, exception, hope, love, and forgiveness. In life, sometimes it’s these very same emotions that we need to move on in our own personal lives…and give us peace” - “This low budget short film is as beautiful and well made as a big time hollywood production” - "THE SWEET HAND OF THE WHITE ROSE is a great looking and stylish film from Melini" - "Here’s another little gem from Davide Melini, The Sweet Hand of the White Rose, shot in 2010" - “Melini displays a masterful command of the camera in White Rose -- his shots prowl through the ethereal settings he's concocted in an almost disconnected way. The framing of his shots is exquisite as is the interplay of light and shadow” - “The Sweet Hand of the White Rose is one of the purest, most fascinating short films I’ve seen, and I wanted more when it was over” - “The Sweet Hand of the White Rose is infinitely watchable for its finely crafted style. Melini takes his characters to a dark place, using quick cuts, cautious lighting and a heavy modern soundtrack” - “Melini made White Rose for a mere $2,000 Euros and the quality of the short is detailed with production values rivaling a Hollywood production” - “I’ve had the good fortune of watching the full short film ‘The Sweet Hand of the White Rose‘ by Davide Melini and I can tell you this: Davide has a raw talent that was present in a few of the director’s of the 80′s and is destined to create a feature length film. It’s in his blood” - "It’s a great example of careful planning showing he potential of the filmmaker himself" - "While PUZZLE was a good short, WHITE ROSE is a great one" - "Following up on the impressive The Puzzle director Davide Melini hit the ground strong and with greater financial clout and screen presence with The Sweet Hand of the White Rose as he looks to build upon the blossoming reputation" - "The twist and the ending is very powerful and I can only assume that the director/writer has some experience with the subject of the film and my heart goes out to him. This is a film with a message and it is a powerful one, very well executed and delivered with passion" - "To summarize, THE SWEET HAND OF THE WHITE ROSE is a great looking and stylish film from Melini" - "The end is so unexpected that it's memorable" - "The atmosphere in the movie is just great and it shows that you can do a lot with artistic film making" - "The Sweet Hand of the White Rose has a very gothic sensibility about it complemented nicely by Jose Antonio Crespillo's camera work that blends both innocence with a horrifying sense of menace" - "Great plot, soundtrack and obviously a bigger budget than The Puzzle" - "The film is well crafted and proves that Melini should get the opportunity to make a feature film" - "It is a more personal and mature work by its filmmaker and a strong example of Davide Melini’s growing skills as a writer and director and is a filmmaker to keep an eye on in a blossoming career" - "My favorite element that stands out the most is the music (by Christian Valente), which is put to good use and helps augment the different emotions that Melini’s film guides us through" - "Watch and enjoy this great little film" - "It’s not a “jump out of the closet scare”; it shares some very emotive characteristics that I would liken to Full Circle aka The Haunted of Julia" - "Sometimes short form storytelling is extremely potent" - "The story is fresh and told in a very creative manner so that the message doesn’t come across as preachy but sets a very heartfelt tone of urgency" - "Images of the dead girl are also quite creepy; the make up is also impressive for such a low budget" - "Not unlike The Puzzle, there are many unique stylistic touches made with the camera that highlight the scenes" - "It's easy to like The Sweet Hand of the White Rose as it starts simply, builds magnificently and ends exactly when it should" - "This Fantasy Horror is meaningful and redeemed by its determined and potent heart" - "Bahos is excellent as the troubled lead; confused and afraid, he stumbles around his surroundings with hesitant curiosity" - "Un très bon court-métrage, peut être le meilleur que je n’ai jamais vu" - "Un court-métrage assez élaboré dans sa forme, avec son lot de clins d'oeil à Dario Argento" - "En fin, una pequeña joya indie con elementos sobrenaturales y mensaje benévolo" - "Hacer mención especial a su música, una delicia” - “Carlos Bahos a pesar de que sus líneas de diálogos son escasas consigue ser un gran vehículo para que a través de su interpretación vayamos conociendo la historia que hay detrás. Ojalá tenga más oportunidades para seguir mostrando su talento” - "El trabajo de fotografía es excelente. Así como también debemos destacar a Ivan Novelli y Christian Valente, que son los encargados de poner el toque sonoro al corto" - "E se film come The Others e Il Sesto Senso ci hanno forse abituati a repentini cambiamenti del punto di vista, il meraviglioso epilogo di quest'opera eleva un buon prodotto di mestiere trasformandolo in un piccolo gioiello" - "Un vero piccolo film in cui non manca proprio nulla, girato con maestria, oscillante tra l’horror ed il supernaturale ma che ancora una volta fa emergere il tema di un destino a cui non si può sfuggire" - “Il film è un fanta-horror ben riuscito, con un finale che ci sorprende tutti e che in un attimo stravolge tutto quello che avevamo pensato fino a quel momento, prendendo una piega inaspettata carica di pathos e intrisa di una malinconica poesia che ci costringe a fermarci per riflettere” - “Siamo in zona The Others (forse il film di genere più bello regalatoci dalla Spagna, assieme a The Orphanage): il corto supera i 15 minuti senza un’incertezza o un secondo di noia, un risultato per nulla scontato” - "Un’opera prima davvero unica nel suo genere, con scenografie ben curate in ogni minimo dettaglio" - "C’è un film italiano indipendente che sta facendo incetta di premi e riconoscimenti praticamente in tutto il mondo. Si tratta di “La dolce mano della rosa bianca” e si tratta di uno di quegli horror movie che fanno la felicità dei cultori del genere" - "L'innovazione di Melini sta nell'aver optato per una conclusione in cui l'amarezza e la sconfitta evolvono in dolcezza e trionfo dell'amore sulla morte. Ecco che il finale diviene qualcosa di eccelso in cui l'autore imprime a fuoco una netta impronta, evitando quelle soluzioni telefonate di cui invece già si sentiva l'odore a causa di una serie di citazioni e di soluzioni visive fin troppo inflazionate” - "La Dolce Mano della Rosa Bianca oltre che un corto di qualità sembra essere un inno alla vita ed un diritto alla stessa, l'anima dark veste un abito più soave capace di lanciare un messaggio ben più importante del risultato finale ottimo" - “La confezione di “La dolce mano della rosa bianca” è impeccabile, fotografia (di José Antonio Crespillo), montaggio (di Biktor Kero), musica (di Christian Valente e Ivan Novelli) e regia, tutto di prima qualità” - “Bravi i protagonisti, tutti spagnoli come il resto dello staff, soprattutto la piccola Rosa Bianca Natasha Machuca, in silenzio per tutto il corto ma capace, nonostante la giovane età, di esprimere tutto il pathos necessario” - “Il lavoro di Melini è davvero notevole, oltremodo credibile il protagonista Carlos Bahos e brava anche la giovane partner Natasha Machuca, citazioni e suggestioni dal cinema horror europeo del glorioso periodo gotico sono giustamente centellinate e costellano un’opera che ha il pregio di non ammiccare a ritmi da piccolo schermo e soprattutto di saper miscelare cinema di genere con messaggi di spessore” - “Il cortometraggio di Davide Melini è tecnicamente ineccepibile - nelle musiche, nella fotografia, nella creazione di atmosfere diverse (rock, drama, horror). Il montaggio racconta per immagini più che con le parole la sinossi, rispettando le pause necessarie alla creazione della suspance” - "Si tratta di una ghost story in piena regola e, come le migliori storie di fantasmi, è allo stesso tempo misteriosa, un po'angosciante ma allo stesso tempo tragica e in certo modo romantica" - "Inquadrature armoniche, fotografia pulita e incantevole, colori caldi e un senso di malessere inquietante che contrasta con la luminosità delle belle location spagnole" - "L'orrore dell'esiziale sbaglio affonda le sue radici nei vizi della società alienante in cui affondiamo, ma sparisce al cospetto del perdono universale. Così, vittima e carnefice possono tenersi per mano, dentro e oltre l'aldilà- "Una storia avvincente, che ti lascia col fiato sospeso." - "Nel caso di The sweet hand of the white rose, si poteva facilmente cadere nel retorico e nel moralistico, ma ciò non accade grazie all’originalità con cui l’autore affronta i temi e rielabora il genere horror, dandogli anche una nuova funzione" - "Tecnicamente di buona fattura, il film mantiene il livello con immagini suggestive, musiche di forte impatto, un ritmo incalzante e la buona prova dell’attore Carlos Bahos"
- CORTOMETRAGGIO EMESSO SU "COMING SOON TELEVISION" E "CHANNEL 24" (ITALIA) E SU "PTV MÁLAGA" (SPAGNA) -
Nessun post.
Nessun post.